La biglietteria segnala un’ondata di insolvenza

Secondo il CEO di Eventim Klaus-Peter Schulenberg, piccoli e medi organizzatori di concerti ed eventi culturali sono minacciati nella loro esistenza a causa della crisi di Corona.

Se non esiste una regolamentazione sospensive precedentemente pianificata per il rimborso dei biglietti, il paesaggio culturale in Germania sarà completamente e permanentemente danneggiato. “Poi più della metà degli organizzatori tedeschi falliscono”, ha avvertito Schulenberg, leader in Europa nel settore dell’intrattenimento e dei biglietti dal vivo. Solo a Eventim, 55.000 eventi sono stati rinviati.

Egli ha fatto appello al Bundestag affinché sancisce la moratoria, che fino a venerdì scorso era stata inserita nel progetto di legge sulla mitigazione delle conseguenze coronariche. Non è più stato incluso in un progetto più recente.

Tuttavia, deve essere possibile prorogare il rimborso dei biglietti entro il 30 settembre o compensare gli eventi annullati in autunno. Questa “proposta assolutamente neutra dal punto di vista fiscale” è stata presentata al governo federale per alleviare la situazione. È ragionevole e contribuirebbe a prevenire un’insolvenza altrimenti inevitabile, ha affermato Schulenberg. “Si tratta dei piccoli e medi organizzatori, non di Eventim. Come Eventim, siamo abbastanza forti.”

Gli organizzatori dovevano pagare in anticipo per molti servizi e avevano già pagato per artisti, lighting designer, marketing e molto altro ancora, ha detto Schulenberg, che si è rivolto anche ad alcuni membri del Bundestag in una lettera alla dpa. “Se tutti vengono ora e vogliono subito restituire i soldi che l’organizzatore ha già speso, nella speranza che lo spettacolo si svolgerà, allora sarà molto, molto difficile.”

Nella lettera ai parlamentari, Schulenberg sottolinea che l’industria tedesca degli eventi è il “pilastro principale della vita culturale e del tempo libero nel nostro paese”. I divieti sugli eventi in vigore in tutta la Germania costituiscono un’interferenza massiccia e mirata nelle operazioni commerciali di un intero settore, senza precedenti. Senza adeguate misure di sostegno, ciò comporterebbe danni imprevedibili al panorama culturale tedesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *