#Indiebookday mira a rafforzare i piccoli editori e librai

In tempi di librerie chiuse e fiere di libri cancellate a causa della diffusione del coronavirus, molti piccoli editori e librai hanno dato speranza per l’Indiebookday di quest’anno.

“Ci sono molte azioni creative per portare l’attenzione online ora,” ha detto Daniel Beskos di Mairisch-Verlag con sede ad Amburgo. L’editore ha lanciato Indiebookday nel 2013 per attirare l’attenzione su editori e librai gestiti dai proprietari. L’idea alla base: acquista il libro desiderato di un piccolo editore dalla libreria dietro l’angolo, scatta una foto del lavoro e pubblicalo sui social media utilizzando l’hashtag #indiebookday.

Da allora, il giorno dell’azione è stata una storia di successo – in patria e all’estero. Diverse centinaia di editori e librai avevano recentemente preso parte alla campagna, ha detto Beskos. Quest’anno, la giornata dell’indiebook si è svolta esclusivamente in rete a causa della crisi di Corona.

Sui social media, librerie, editori e autori hanno pubblicato i loro libri preferiti al di fuori degli elenchi dei bestseller e presentato suggerimenti di lettura. “Leggi altri libri”, ha chiesto l’autrice Alizee Korte su Twitter. “Ed è meglio acquistarli direttamente dagli autori o in negozi online equi. Voi state sostenendo persone i cui mezzi di sussistenza sono a cui sono gravemente minacciati in questo momento.” Molti lettori hanno mostrato libri acquistati davanti alle librerie chiuse o nelle loro case – a volte su un lettore elettronico.

Beskos sperava che indiebookday avrebbe portato ancora molta attenzione agli editori e ai librai nel 2020. “Tutti gli editori hanno dovuto ingoiare alcuni pezzi negli ultimi anni. A questo si è aggiunto lo sviluppo generale che le persone trascorrono il loro tempo libero con cose diverse dalla lettura. E ora Corona sta rendendo questa situazione doppiamente difficile per tutti.”

L’idea dell’Indiebookday dovrebbe quindi essere utilizzata nelle prossime settimane. “Basta chiamare la libreria della vostra fiducia – a loro piace fare consigli telefonici in questo momento – e ottenere qualcosa consigliato e poi solo ordinare,”Dice Beskos. Molti librai offrono ora servizi di consegna nel loro distretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *